Gio11142019

Last update05:07:30 PM

Back Sei qui: Home NEWS Notiziario IL VICE PRESIDENTE DELLA REGIONE CONFERMA GLI IMPEGNI PER LA GESTIONE RIFIUTI NEL SANNIO

IL VICE PRESIDENTE DELLA REGIONE CONFERMA GLI IMPEGNI PER LA GESTIONE RIFIUTI NEL SANNIO

Comunicato Stampa n. 530 del 29 agosto 2019
Il Vice Presidente e assessore all’Ambiente della Regione Campania Fulvio Bonavitocola ha partecipato nel pomeriggio ad un incontro, convocato dal Prefetto Francesco Cappetta e sollecitato dal Presidente della Provincia Antonio Di Maria, per discutere sulle risultanze della Conferenza di servizi di martedì scorso a Napoli in merito al fermo per manutenzione di circa 45 giorni del termovalorizzatore di Acerra.
La riunione in Prefettura, preceduta da un breve incontro presso la Provincia con lo stesso Di Maria e gli amministratori locali di Fragneto Monforte e Casalduni, il Presidente dell'Ente d'Ambito Pasquale Iacovella e l'Amministratore unico della Samte Carmine Agostinelli, era finalizzata a fare il punto sugli accordi raggiunti in Regione Campania circa i conferimenti temporanei di 12mila tonnellate di rifiuti indifferenziati presso lo Stir di Casalduni; il lavoro commissionato dalla Società napoletana Sapna alla sannita Samte per lo stoccaggio e la vigilanza; la rimozione delle ecoballe giacenti nella vicina località di Toppa Infuocata di Fragneto Monforte; la ripresa della linea produttiva dello Stir di Casalduni e l’opera calmieratrice dei prezzi dei conferimenti da parte dei Comuni sanniti nei confronti degli altri Stir campani (in attesa che quello di Casalduni riprenda il proprio lavoro). 
Al termine del vertice, per il quale il Prefetto si è dichiarato “molto soddisfatto delle conclusioni”, il Vice Presidente Bonavitacola, in una dichiarazione, ha parlato di un momento importante per la Regione in materia di rifiuti perché, ha detto, “per la prima volta, dopo anni di decisioni monocratiche e commissariali, si è raggiunta invece una conclusione condivisa ed unanime per la gestione di questo fase di blocco per manutenzione del termovalorizzatore di Acerra”. Il Vice Presidente ha quindi aggiunto di ritenersi “molto fiducioso” per il superamento di questa emergenza ed ha aggiunto di essere certo che tutto andrà bene. Bonavitacola ha quindi affermato di aver trovato ampia solidarietà e lealtà istituzionale sul tema della riapertura del ciclo produttivo dello Stir di Casalduni dopo l’incendio del 23 agosto 2018.
“Il Sannio accoglierà temporaneamente, per un periodo di 2 o al massimo 3 mesi, la quantità di rifiuti che è circa la metà di quella prodotta in un anno dal 2018 al 2019 e che è stata conferita presso altri Stir campani”.
Il Vice Presidente ha aggiunto che per tale conferimento allo Stir di Casalduni “la Società Sapna incaricherà con una propria commessa quella sannita Samte per assicurare lo stoccaggio e la vigilanza dei rifiuti a fronte del pagamento di un corrispettivo economico che consentirà di risolvere sia pure temporaneamente la vertenza dei lavoratori Samte”.
Bonavitacola ha quindi confermato che saranno rimosse le ecoballe giacenti da tempo in località Toppa Infuocata: “Il Presidente della Provincia e il Sindaco di Fragneto Monforte hanno più volte sollecitato tale rimozione e, per l’ultimo, lo hanno fatto nel primo pomeriggio di oggi. A fronte di ciò posso comunicare che, nell’ambito delle gare d’appalto programmate, è stata esteso l’affidamento della rimozione delle ecoballe di Toppa Infuocata entro il prossimo mese di novembre”.
Dal canto suo il Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria ha dichiarato: “Il Vice Presidente Bonavitacola ha confermato oggi davanti al Prefetto e presso la massima sede istituzionale del Sannio gli impegni già assunti in sede di Conferenza di Servizi. Voglio sottolineare l’impegno regionale per la temporaneità dei conferimenti a Casalduni e la questione della rimozione delle ecoballe a Toppa Infuocata. Noi siamo impegnati nella attività di ripresa del ciclo produttivo dello Stir e per riavviare il ciclo virtuoso di gestione dei rifiuti nel Sannio. Io credo che, avendo la Regione approvato una variante da noi proposta, con procedura d’urgenza entro una decina di giorni potranno essere affidati i lavori già finanziati dalla stessa Regione per riaprire la prima linea produttiva dello Stir. Sottolineo ancora che il Vice Presidente Bonavitacola convocherà entro la prossima settimana una nuova riunione per giungere a calmierare i prezzi dei conferimenti agli Stir che oggi sono assai diversificati”.
 

Galleria immagini

 
Sample image  
Sample image

Galleria video

 
alternative test 1
tttt

 

logo youtube