Sab04292017

Last update04:30:25 PM

Back Sei qui: Home NEWS Notiziario LA STATUA DEL NUOVO REGNO EGIZIO DI PANEHESI E LA MOGLIE AL TEMPIO DI ISIDE

LA STATUA DEL NUOVO REGNO EGIZIO DI PANEHESI E LA MOGLIE AL TEMPIO DI ISIDE

 
Comunicato Stampa n. 722 del 06 maggio 2016
La Fondazione Museo delle Antichità Egizie di Torino ha consegnato al Tempio di Iside presso il Museo Arcos di Benevento il gruppo statuario di Panehesi e sua moglie (Catalogo 3053).
Contestualmente sono stati completati gli interventi per la manutenzione ed il riallestimento del Tempio presso l’Istituto culturale di via Stefano Borgia.
Ne dà comunicazione il Presidente della Provincia Claudio Ricci.
Si sono, dunque, realizzati i termini dell’accordo tra Provincia di Benevento, proprietaria del Tempio, e Fondazione di Torino. Ricci, nell’esprimere soddisfazione per i primi risultati dell’intesa con il Museo Egizio di Torino, ha auspicato ulteriori, nuovi frutti dalla sinergia tra le due Istituzioni.
Come si ricorderà, nel contesto di politiche di scambio culturale, la Provincia di Benevento, sentita la Soprintendenza Archeologia Campania, aveva concesso in prestito al Museo Egizio alcuni reperti del Tempio di Iside presso Arcos, al fine di consentire all’Istituto torinese la Mostra “Pompei e l’antico Egitto” dal 4 marzo al 4 settembre 2016.
In cambio, il Museo Egizio aveva promesso ad Arcos il prestito della statua in arenaria del vicerè di Nubia e della moglie del Periodo del Nuovo Regno / XVIII Dinastia (1500 – 1292 a.C.). Inoltre, il Museo Egizio aveva promesso il restauro per i reperti beneventani in prestito a Torino nonché la realizzazione di banner a loro dedicati da installare nelle Sale del Museo Arcos al fine di dare informazione ai visitatori circa la provvisoria collocazione dei reperti stessi.
Con la supervisione della Dirigente del Settore Cultura della Provincia dott.ssa Pierina Martinelli, inoltre, la Provincia, avendo reperito le necessarie risorse finanziarie, ha provveduto alla manutenzione straordinaria delle installazioni del Tempio di Iside ad Arcos: sono stati, infatti, ripristinati i video per le proiezione dei filmati in 3D sulla dea Iside e gli impianti di illuminazione.  
A seguito di tutto ciò, sono stati dunque riaperti i battenti del Tempio isiaco di Benevento, rimasto chiuso per alcuni giorni, e sono riprese le visite guidate.
Questo il commento del Presidente Ricci: “Grazie alla cooperazione istituzionale con l’Istituto culturale di Torino è stato possibile intervenire per la salvaguardia di uno dei tesori del nostro territorio in un momento di acuta difficoltà per le casse della Provincia. D'altra parte, la mostra torinese sul culto isiaco a Benevento e a Pompei sta riscuotendo un successo di pubblico assolutamente straordinario, forse inaspettato in queste dimensioni. Massimo è stato il ritorno d’immagine per la stessa città di Benevento che in epoca imperiale romana ospitava probabilmente il Tempio isiaco più importante esistente fuori dall’Egitto. La Stampa nazionale ed internazionale si è interessata più volte ai contenuti principali del culto isiaco beneventano e ai suoi sviluppi e risvolti nelle epoche successive in un ambito culturale e religioso profondamente diverso. Già molti visitatori sono venuti nel Sannio avendo appreso proprio dalla Stampa e a seguito della mostra del Museo Egizio di Torino delle vicende del culto isiaco beneventano”.

Galleria immagini

 
Sample image  
Sample image

Galleria video

 
alternative test 1
tttt

 

logo youtube